Aumenta l'analfabetismo motorio negli adolescenti

Bambini e ragazzi sono sempre più sedentari. Uno studio rivela come dal 2005 la resistenza agli sforzi cali dell'1% ogni anno. La previsione: entro il 2020 grado zero nelle capacità motorie

Prima il dovere e poi il piacere.
Un vecchio proverbio che insegniamo ai più piccoli, nella speranza che comprendano l’importanza di portare a termine un lavoro prima di potersi divertire.
Ma è bene ricordarsi che tra le materie scolastiche c’è anche educazione fisica, attività fondamentale per il benessere dell’organismo.

Tra le preoccupazioni di questi ultimi anni, c’è proprio quella di vedere bambini e adolescenti sempre meno impegnati nell’attività sportiva. E già dai primi anni Duemila si è iniziato a parlare di analfabetismo motorio, condizione dovuta alle nuove preferenze di gioco: per divertirsi si preferisce stare seduti sul divano, magari sgranocchiando patatine e altri alimenti poco salutari, invece di uscire all’aria aperta.

Uno stile di vita sedentario non nuoce solo al fisico, anche le capacità cognitive ne risentiranno.

Analfabetismo motorio: lo studio dell’I.R.R.E

L’Istituto regionale ricerca educativa, I.R.R.E, del Lazio ha condotto uno studio inerente l’attività fisica svolta dai più giovani. Quello che emerge è che dal 2005 la resistenza allo sforzo fisico degli adolescenti italiani diminuisce dell’1% all’anno.

Secondo tale ricerca, sono molti più di quel che si crede gli adolescenti che non sanno andare in bicicletta. Ai quali si sommano ragazzi e ragazze poco attivi, che quasi non corrono e camminano solo il minimo indispensabile.
Una situazione che a livello fisico comporta una scarsa mineralizzazione delle ossa, provocando infortuni molto più frequenti.
Per non parlare dei problemi di postura, causati da una muscolatura poco tonica per colpa della quale l’organismo si stanca più facilmente, e gli adolescenti sentono la necessità di stare seduti perché subito fiacchi.

Giocare all’aria aperta è fondamentale

In strada non si può più giocare, ma parchi e giardini non sono comunque presi troppo in considerazione.

Eppure giocare all’aria aperta è fondamentale: rafforza il sistema immunitario e arrampicarsi su alberi o muri permette al corpo di acquisire un buon senso dell’equilibrio.
E come si diceva all’inizio, giocare all’aperto migliora le capacità cognitive.
Imparare ad andare in bicicletta, per esempio, è utile a sviluppare la memoria.
Il movimento, infatti, stimola la mente. Basti pensare che in Francia e Germania vengono insegnate le lingue proprio attraverso l’attività fisica.

A questo si aggiunge l’esperienza di crescita.
I bambini entrano in contatto con la natura, sperimentano, diventano più consapevoli delle loro capacità.
I giochi all’aria aperta stimolano la creatività, e nei luoghi pubblici come i parchi si ha la possibilità di entrare in relazione con altri bambini.
Cosa da non sottovalutare.

Centro Capacità Motorie: qualche dato sugli adolescenti

Qualche anno fa Claudio Marchetti, insegnante di educazione fisica, ha iniziato a sottoporre i suoi alunni a nove test motori. Così da spingere gli adolescenti a migliorare da un punto di vista fisico.
Questa sua idea è stata trasformata in un vero e proprio progetto, che all’interno dell’Istituto Tecnico Gobetti – De Gasperi di Morciano (Rimini) prende il nome di Centro Capacità Motorie.

Ogni anno vengono raccolti risultati sempre più scarsi.
Su 100 studenti presi in esame, 58 non hanno forza nelle braccia, 78 nelle gambe. Mentre 68 non superano il test di resistenza, 50 quello della velocità e 47 quello relativo alla coordinazione motoria.

Il consiglio dei responsabili del progetto, con il quale non potremmo essere più d’accordo, è di non assecondare la sedentarietà.
Vederli al sicuro e senza ginocchia sbucciate potrà farti sentire tranquilla, ma per il benessere di tuo figlio è bene abituarlo a vivere anche fuori casa e a fare dell’attività fisica.

Correlati

FORMULA12

FORMULA12 è una filosofia che si occupa di benessere partendo prima di tutto dalla nutrizione.


Privacy Policy

Social


© Copyright 2018 Formula12 S.r.l. - Società a Socio Unico - P.IVA: 02788950356 - All rights reserved.