Il Torino e una nuova dieta: quella del paleolitico

La squadra granata nel ritiro precampionato sta seguendo la dieta degli antenati

Il Toro e la dieta del paleolitico: è questa la novità più curiosa, a livello alimentare, che arriva dai ritiri delle squadre di serie A in vista della nuova stagione.
Se l’anno scorso aveva fatto discutere la dieta (quasi) vegana del Milan di Vincenzo Montella, quest’anno sono i granata a finire sotto i riflettori per il regime alimentare seguito.

Come si legge sulla Gazzetta dello Sport la squadra, in ritiro a Bormio, ha affidato la sua dieta al personal trainer ed educatore alimentare Tiberio Ancora, un professionista molto noto nell’ambiente.
Nella passata stagione ha lavorato al Chelsea con Antonio Conte. Quest’anno il Toro lo ha voluto nel suo staff e lui ha subito dato la sua impronta.

I principi alimentari alla base della dieta del Torino

Ogni giocatore ha una sua dieta personalizzata, come dev’essere in una squadra di calcio composta da atleti di età, fisico e ruolo diversi.
Tuttavia, la filosofia alla base di ogni singolo programma alimentare è sempre la stessa, e si rifà alla dieta del paleolitico: una dieta che mira al ritorno di un’alimentazione come quella dei nostri antenati, 2,5 milioni di anni fa. Fatta esclusivamente di alimenti non trattati, non coltivati e certamente non frutto di una lavorazione industriale.

Ecco quindi che in una paleodieta gli alimenti che non mancano mai sono carne e pesce, oltre a frutta e verdura in abbondanza.
Nell’interpretazione più rigida e rigorosa di questo regime alimentare, pane e pasta sono banditi, oltre a tutti gli altri alimenti lavorati.
Per i giocatori del Toro, sono limitati al massimo, così come latte e latticini.

L’idratazione prima di tutto

Per sostenere la preparazione, oltre a un’adeguata e bilanciata distribuzione dei macronutrienti essenziali (proteine, grassi e carboidrati), un aspetto irrinunciabile è l’idratazione.
Acqua e sali minerali sono indispensabili durante l’allenamento e consumare tanta frutta e verdura è il modo migliore per reintegrare fibra, acqua e sali minerali persi con il workout e il caldo del periodo estivo.
Per favorire il recupero muscolare entrano in gioco le proteine, inserite in pasti leggeri e facilmente digeribili.

La crostata è il pasto jolly

Anche i regimi alimentari più rigidi hanno bisogno di un’eccezione ogni tanto. Il pasto jolly, come lo chiamiamo noi di FORMULA12.
E c’è un dolce che è diventato un grande classico nei ritiri sportivi, qualunque sia la dieta adottata.
Nemmeno il paleo-Torino fa eccezione: è la crostata, inserita spesso a colazione o come spuntino pomeridiano.
E siamo sicuri che anche gli antenati avrebbero apprezzato.

Magari avrebbero apprezzato anche la comodità e la praticità dei box di FORMULA12. Vuoi scoprirli anche tu? Guarda qui.

Correlati

FORMULA12

FORMULA12 è una filosofia che si occupa di benessere partendo prima di tutto dalla nutrizione.


Privacy Policy

Social


© Copyright 2018 Formula12 S.r.l. - Società a Socio Unico - P.IVA: 02788950356 - All rights reserved.