Pistacchi: snack perfetto per i diabetici

Grazie al loro basso indice glicemico sono lo snack ideale per tenere basso il livello di zuccheri nel sangue

Tra un pasto principale e l’altro, può capitare ti venga voglia di sgranocchiare qualcosa.
È normale ed è anche un ottimo modo per mantenere il tuo indice di equilibrio.
A patto, però, di mangiare uno snack buono e nutriente.
Che aiuti il tuo organismo a tenere basso l’indice glicemico.
Un esempio?
I pistacchi.

Pistacchi e frutta secca

La frutta secca è ricca di polifenoli, le vitamine P che ti aiutano a trovare il benessere, e di acidi grassi. Dei quali non puoi fare a meno se vuoi mettere su massa muscolare.

Se le mandorle sono le più ricche a livello nutrizionale, i pistacchi dal canto loro contengono antiossidanti in alta quantità:

  • luteina,
  • beta-carotene,
  • resveratrolo,
  • gamma-tocoferolo.

Grazie ai quali il tuo organismo potrà contrastare l’eccesso di radicali liberi, prodotti dal corpo soprattutto sotto sforzo.
All’interno di questo frutto si trovano anche le proantocianidine, che possiedono specifiche proprietà antinfiammatorie e possono aiutare a riparare i piccoli traumi muscolari che creano infiammazione.
Insomma, un alimento prodigioso per chi pratica sport e i più giovani, sempre molto attivi.

Ma non finisce qua.

I pistacchi e il contenuto proteico

Grazie alla presenza di fibre, di proteine e grassi buoni, i pistacchi facilitano la corretta modulazione della glicemia.
Sia se consumati da soli, sia in associazione con i carboidrati.

Una merenda ideale, perché ti darà senso di sazietà senza provocare picchi glicemici.

Con circa il 21% di contenuto proteico, il pistacchio svolge un ruolo importante anche nel rifornire l’organismo dei costituenti, ossia gli amminoacidi, necessari per la crescita e il ricambio dei tessuti corporei.
Grazie anche alla presenza di magnesio e vitamine del gruppo B, i pistacchi fungono da antistress.

A dare conferma delle qualità del pistacchio ci ha pensato uno studio dell’Università di Shanghai, presentato all’ultimo convegno dell’Academy of Nutrition and Dietetics.

La varietà dei pistacchi californiani

Se consumati al mattino, i pistacchi californiani ti aiuteranno a mantenere la glicemia in equilibrio.

Questo lo studio che ha preso in esame trenta volontarie fra le 24 e le 28 settimane di gravidanza. Tutte soggette a diabete gestazionale o a un’alterata tolleranza al glucosio, il primo passo verso il diabete vero e proprio.

Uno studio che dovrà essere ripetuto su un campione più ampio, ma che ha prodotto risultati in linea a ciò che già si conosceva sulle proprietà della frutta secca.
I risultati, infatti, hanno evidenziato che dopo una colazione con pistacchi californiani i livelli di zucchero nel sangue si mantengono più bassi rispetto al consumo di pane.
Così come le concentrazioni di insulina nel sangue, mentre si alza il GLP-1, l’ormone che aiuta a mantenere il corretto equilibrio di zuccheri nel sangue.

Tutto questo è reso possibile dal basso indice glicemico dei pistacchi, che al pari dell’altra frutta secca, risultano molto indicati per i diabetici.

Correlati

FORMULA12

FORMULA12 è un'azienda che si occupa di benessere partendo prima di tutto dalla nutrizione.


Privacy Policy

CUSTOMER SERVICE

  Numero Verde: 800-132-477

Il centralino è attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 9:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 18:00.

 info@formula12.it

Social


© Copyright 2018 Formula12 S.r.l. - Società a Socio Unico - P.IVA: 02788950356 - All rights reserved.