Spesa alimentare, il futuro è online

In Italia crescita del 34% nei primi sei mesi del 2018. E in America entro il 2022 il 70% dei consumatori comprerà via web

Gli acquisti alimentari online hanno fatto registrare un +34% nei primi sei mesi del 2018: è uno dei dati che emerge dal “Rapporto Coop 2018”, uno studio che analizza le abitudini degli italiani in ogni settore, compreso quello del food. Un trend in crescita esponenziale, e le previsioni parlano di un mercato in via di espansione e consolidamento.

Spesa online: si attende il boom

Attualmente in Italia la spesa online rappresenta il 2,7% del giro d’affari totale, per un valore di circa 940 milioni di euro, quindi una fetta ancora marginale (dato rapporto Nielsen “Future opportunities in Fmcg e-commerce”). Tuttavia le previsioni parlano di una crescita a doppia cifra. Secondo un’altra analisi elaborata da Confcommercio si prevede che il valore delle vendite digitali di prodotti alimentari in Europa raggiungerà i 18 miliardi di dollari nel 2021, 8 miliardi in più rispetto al 2016. Situazione simile negli USA, mentre in Cina è previsto un boom che porterà il valore delle vendite online a pesare 30,3 miliardi di dollari.

In particolare, secondo le agenzie americane Food Marketing Institute e Nielsen Media Research, se il trend si confermerà anche nei prossimi anni entro il 2022 il 70% dei consumatori americani acquisterà almeno parte dei propri alimenti online.

Cosa finisce nel carrello degli italiani?

Il “Rapporto Coop 2018” conferma che in fatto di cibo gli italiani non sono secondi a nessuno. Primi per spesa alimentare in Europa e nel mondo (19% la quota di spesa destinata a cibo e bevande, il massimo dell’ultimo decennio), sono stati anche precursori verso una dieta bilanciata e salubre e ancora oggi privilegiano gli acquisti di frutta e verdura (+ 8,6% la crescita a volume dell’ortofrutta confezionata), pane e cereali rinunciando sempre di più a zuccheri e grassi. Il salutismo, trend vincente degli ultimi anni a tavola, mostra però i primi segni di rallentamento dovuti con buona probabilità a una saturazione raggiunta almeno in certi segmenti di mercato: il carrello della “salute” cresce ancora nel primo semestre di un +2,3% ma era il +5% nel 2017. E anche tra i veg & veg che fino a poco tempo fa sembravano essere un trend dominante in fatto di cibo compaiono i primi pentiti: a fronte di un 8,3% ancora allineato, il 9,7% dichiara di esserlo stato e di averci rinunciato.

Le nuove tendenze: ready to eat e food delivery

Il fenomeno del momento in fatto di cibo è sicuramente il “ready to eat” (pronto da mangiare). Non è un caso che tra i carrelli, il pronto faccia registrare un + 6% e che l’e-food sia sempre più un’alternativa diffusa tra gli italiani. Solo nei primi tre mesi del 2018, 3,5 milioni di italiani (+ 80% rispetto al 2017) sono ricorsi al food delivery, +34% gli acquisti alimentari on line nei primi 6 mesi dell’anno. Modernità che va ancora una volta di pari passo con la tradizione, il senso di appartenenza che continua a indirizzare i consumatori italiani verso prodotti italiani (+3%), privilegiando i piccoli brand (+4,3%) alla grande marca. Solo l’apposizione della scritta “100% italiano” fa schizzare le vendite di un +9%.

E in questo contesto si inserisce alla perfezione anche FORMULA12, che offre soluzioni sane e bilanciate, con prodotti made in Italy e di altissima qualità. Soluzioni tagliate su misura per ogni tipo di consumatore e di esigenza, ready to eat, comode da portare con sé, e acquistabili online con un clic sullo shop.

Correlati

FORMULA12

FORMULA12 è un'azienda che si occupa di benessere partendo prima di tutto dalla nutrizione.


Privacy Policy

CUSTOMER SERVICE

  Numero Verde: 800-132-477

Il centralino è attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 9:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 18:00.

 info@formula12.it

Social


© Copyright 2018 Formula12 S.r.l. - Società a Socio Unico - P.IVA: 02788950356 - All rights reserved.